3 ottobre 2017

Seminario

Progetto di valore nazionale
(ex L. 107/2015)

ORIZZONTI APERTI

Raccontare la storia e la letteratura

Seminario di formazione
per insegnanti di scuola superiore

I edizione • 2017-2018

(Roma, 26-28 febbraio 2018)

Coordinamento scientifico e didattico:
Amedeo Feniello
Pietro Petteruti Pellegrino

 

L’Accademia dell’Arcadia, l’Istituto storico italiano per l’Età moderna e contemporanea e l’Istituto di storia dell’Europa mediterranea del Consiglio nazionale delle ricerche, enti che operano nel settore della ricerca e dell’editoria scientifica, e più in generale della diffusione della cultura storica e letteraria, promuovono la I edizione del seminario di formazione Orizzonti aperti. Raccontare la storia e la letteratura, destinato agli insegnanti delle scuole secondarie di primo e secondo grado.
Il seminario, elaborato e coordinato da Amedeo Feniello e da Pietro Petteruti Pellegrino (docenti utilizzati presso l’USR del Lazio ai sensi dell’art. 1, comma 65, della legge 107/2015), è inserito all’interno della attività formative proposte dal Consiglio nazionale delle ricerche, ente accreditato dal MIUR per la formazione degli insegnanti (ai sensi dell’art. 1, comma 5, della Direttiva MIUR n. 170/2016: «Le Università, i Consorzi universitari e interuniversitari, le Istituzioni dell’Alta formazione artistica, musicale e coreutica, gli enti pubblici di ricerca […] sono soggetti di per sé qualificati per la formazione del personale scolastico e non necessitano di iscrizione negli elenchi di cui al comma 3, lettere a) e b)»).
Informazioni aggiornate sul seminario saranno disponibili nel sito web Narrazioni di confine. Raccontare tra storia e letteratura: scrittura, formazione, ricerca (www.narrazionidiconfine.it), gestito dai coordinatori dell’iniziativa.

Finalità e obiettivi
I libri di storia e di letteratura, siano essi manuali o saggi specialistici, rappresentano sempre un complesso esercizio di scrittura, che richiede la capacità di muoversi su vari livelli. Lo studioso, chiamato da una parte a rispettare con scrupolo le fonti e i testi e dall’altra a proporre analisi e interpretazioni che siano insieme rigorose e innovative, è infatti costretto a creare, a costruire trame e profili, a usare stili e modalità differenti, per spiegare fenomeni e questioni. Così il diaframma tra lui e il narratore spesso si riduce al minimo, senza che quasi si possano cogliere le differenze.
Scopo di questo seminario è di riflettere su alcune forme attuali di narrazione storica e letteraria, per analizzarne le scelte e i metodi e valutarne il possibile utilizzo nelle aule scolastiche. In tale prospettiva, l’iniziativa metterà a frutto le indicazioni del Decreto Legislativo 13 aprile 2017, n. 60, «Norme sulla promozione della cultura umanistica, sulla valorizzazione del patrimonio e delle produzioni culturali e sul sostegno della creatività, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera g), della Legge 13 luglio 2015, n. 107». Si assumeranno inoltre come punti di riferimento essenziali i contenuti di metodologie e tecnologie didattiche illustrati nel Decreto Ministeriale 10 agosto 2017, n. 616.
A tal fine, l’iniziativa di formazione si avvarrà dell’esperienza di autorevoli specialisti che operano in settori e àmbiti differenti: esperti di didattica della storia e della letteratura; professori universitari e studiosi di storia e letteratura italiana; narratori, giornalisti e altri professionisti della scrittura, dell’editoria e della comunicazione.

Modalità di svolgimento
Il seminario, che si svolgerà presso la sede centrale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Roma, piazzale Aldo Moro, 7), sarà accompagnato da un’attività di informazione e approfondimento, curata dai coordinatori dell’iniziativa anche tramite il sito web Narrazioni di confine (www.narrazionidiconfine.it).

Ambiti formativi
Ambiti specifici: Didattica singole discipline previste dagli ordinamenti; Cittadinanza attiva e legalità.
Ambiti trasversali: Didattica e metodologie; Innovazione didattica e didattica digitale; Metodologie e attività laboratoriali.

Mappatura delle competenze
– Saper realizzare una trasposizione didattica efficace di contenuti storico-sociali e letterari, coniugando saperi epistemologici e competenze didattiche generali e disciplinari.
– Saper costruire un curricolo verticale per competenze delle discipline storico-sociali e letterarie.
– Saper progettare unità di apprendimento per competenze intorno al tema del racconto della storia e della letteratura, declinandolo nei suoi diversi aspetti.
– Saper utilizzare strumenti e mediatori tipici della didattica della storia e della letteratura, con una specifica attenzione alla critica delle fonti e alle prospettive interdisciplinari.
– Saper elaborare unità di apprendimento per competenze che mettano a frutto le nuove tecnologie per la didattica.

Metodi di verifica finale
Questionario anonimo di valutazione dell’iniziativa formativa.

Destinatari
Docenti di scuola secondaria di I e II grado.

Sede
Il seminario si svolgerà presso la sede centrale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Roma, piazzale Aldo Moro, 7).

Durata
50 ore, di cui 24 in presenza. Frequenza necessaria: 75% delle ore in presenza.

Costi
45 € a docente, pagabili con la Carta del docente o con bonifico bancario (IBAN: IT75N0100503392000000218150; SWIFT/BIC: BNLIITRR; Intestazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche – Incassi e pagamenti giornalieri; Causale: ISEM 086 – Seminario formazione insegnanti).

Iscrizioni
Per partecipare al seminario occorre iscriversi tramite la piattaforma SOFIA (http://www.istruzione.it/pdgf/) e poi inviare il modulo di iscrizione (allegato a questo programma) all’indirizzo e-mail segreteria@isem.cnr.it.
Per gli insegnanti a tempo determinato è sufficiente l’invio del modulo di iscrizione.
Numero massimo di partecipanti: 80 (fino ad esaurimento posti).
Scadenza iscrizioni: 25 febbraio 2018.

___

Calendario

26 febbraio 2018, ore 9:30-13:30
I. Raccontare come? Linguaggi e prospettive
Marcello Verga, Manuali di storia per la pace
Alessandro Portelli, Il racconto della schiavitù: memoria, storia e letteratura
Giancarlo Alfano, Credere: narrazioni, testimonianze, imposture
Discussione e intervallo (11:00-11:30)
Simone Giusti, Raccontare la letteratura: una questione di valori
Cinzia Ruozzi, Raccontare il presente attraverso lo sguardo della scuola
Carlo Vecce, Letteratura tra scuola e teatro: Scuola normale femminile di Matilde Serao
Discussione (13:00-13:30)

26 febbraio 2018, ore 14:30-18:30
II. Le fonti, i problemi, le tipologie
Matteo Motolese, Raccontare i manoscritti della letteratura italiana
Claudia Bolgia – Maurizio Campanelli, Raccontare la Roma del Trecento: Cola di Rienzo, l’icona dell’Aracoeli e il regime popolare (1347-1372)
Emilio Russo, Raccontare il Rinascimento
Discussione e intervallo (16:00-16:30)
Marina Gazzini, Raccontare la marginalità e la devianza: le carceri di Milano alla fine del Medioevo
Francesco Benigno, Rappresentare il male: la camorra ottocentesca tra fonti letterarie e giudiziarie
Discussione (17:30-18:30)

27 febbraio 2018, ore 9:30-13:30
III. Il racconto del manuale: dal cartaceo al web
Il manuale di storia. Tavola rotonda con Maria Angela Binetti, Francesca Canale Cama, Amedeo Feniello, Alessandro Laterza, Luigi Mascilli Migliorini.
Discussione e intervallo (11:00-11:30)
Il manuale di letteratura italiana. Tavola rotonda con Aaron Buttarelli, Claudio Giunta, Alessandro Mongatti, Paola Rocchi, Emilio Russo.
Discussione (13:00-13:30)

27 febbraio 2018, ore 14:30-18:30
IV. Raccontare con il digitale
Claudia Bolgia – Maurizio Campanelli, Un thesaurus della Roma medievale e umanistica: Linking Evidence
Elisabetta Menetti, Riflessioni su Griseldaonline e l’umanesimo digitale
Valentino Baldi, Critica e didattica della letteratura sul web: Laletteraturaenoi
Discussione e intervallo (16:00-16:30)
Sergio Riolo, Archivi, storia(e) e divulgazione: il caso de ilCartastorie
Eleonora Cardinale, Raccontare la letteratura attraverso un museo: Spazi900 alla Biblioteca nazionale centrale di Roma
Discussione (17:30-18:30)

28 febbraio 2018, ore 9:30-13:30
V. Biografie e altri narrazioni di confine
Luigi Mascilli Migliorini, Scrivere vite
Angelo D’Orsi, Gramsci: come scrivere la sua biografia?
Tommaso di Carpegna Falconieri, Biografie e dintorni. Riflessioni sul revival del racconto nella scrittura storica
Discussione e intervallo (11:00-11:30)
Pietro Petteruti Pellegrino, Narrazioni di confine. Fatti, misfatti e tipologie testuali
Paolo Squillacioti, Tutto cambia o tutto resta com’è? Il Gattopardo e la storia
Franco Tomasi, La narrativa italiana degli anni Zero e la storia: alcuni casi esemplari
Discussione (13:00-13:30)

28 febbraio 2018, ore 14:30-18:30
VI. Narrazioni tra storia e letteratura
Eric Jozsef, Houellebecq e la visione contemporanea
Amedeo Feniello, “Come un processo”: Xavier Cercas e la storia di Spagna
Paolo Di Paolo, L’autobiografia di tutti. La storia del Novecento attraverso la narrativa
Discussione e intervallo (16:00-16:30)
Alessandro Vanoli, Raccontare il Mediterraneo

 

Programma in pdf: Orizzonti aperti_Programma completo

Modulo di iscrizione in pdf: Orizzonti aperti_Modulo iscrizione

Modulo di iscrizione in word: Orizzonti aperti_Modulo iscrizione

 

AGGIORNAMENTI

9 gennaio 2018
Il seminario Orizzonti aperti. Raccontare la storia e la letteratura, rivolto agli insegnanti delle scuole secondarie di I e II grado, è da oggi disponibile in SOFIA (Sistema Operativo per la Formazione e le Iniziative di Aggiornamento dei docenti, http://www.istruzione.it/pdgf).